La Community italiana per le Scienze della Vita

Alla scoperta della biodiversità in Vietnam

Il Vietnam è una terra ancora in gran parte inesplorata, soprattutto relativamente alla sua flora e alla sua fauna. Le sue selvagge e sterminate foreste, nascondono ancora numerose specie di animali e piante che al giorno d’oggi rimangono dei veri e propri misteri per l’uomo. Ma un viaggio nel Vietnam regala anche un enorme e inesauribile tesoro naturalistico: lungo le rive del Mekong dal 1997 ad oggi sono state trovate circa 1300 nuove specie, tanto da essere considerato un capolavoro della biodiversità. Nel cosiddetto “corridoio verde” del Vietnam, uno straordinario e ricchissimo bacino di biodiversità rappresentato dalle foreste pluviali della catena montuosa delle Annamite, sono state scoperte diverse nuove specie di animali e piante.

serpenti in vietnam
@ Rupert G Lewis 2013

Una delle scoperte più interessanti riguarda un serpente, il cui nome scientifico è Amphiesma leucomystax, della famiglia delle che letteralmente significa con il baffo bianco in riferimento all’ampia riga biancastra che lo caratterizza e da cui deriva la definizione italiana serpente dal labbro bianco. La caratteristica che lo distingue da altre specie endemiche è proprio questa riga che, partendo dalla bocca, passa al di sotto degli occhi e arriva alla nuca. Il colore del dorso è grigio cosparso di piccole macchie rosse e diciannove file di squame longitudinali sono presenti nella parte centrale del corpo.

L’habitat di questo serpente è quello della foresta monsonica, sia primaria che secondaria, in altura principalmente tra i 400 e e i 1500 mt. sul livello del mare, ma anche in pianura, sempre nelle vicinanze di corsi d’acqua dove si nutre di rane o piccoli animali simili. Una minaccia per la sopravvivenza di questi serpenti è rappresentata, oltre che dai cambiamenti climatici, dalla deforestazione dal momento che questa specie non è mai stata avvistata in zone non coperte dalla foresta.

Cnemaspis psychedelicaUn’altra scoperta degli ultimi anni, effettuata nella piccola isola di Hon Khoai nel Vietnam meridionale  è il Cnemaspis psychedelica (denominata in italiano Geco psichedelico) un sauro appartenente al genere Cnemaspis e alla famiglia dei Gekkonidi. Gli esemplari, sia femmine che maschi, sono dotati di un dorso viola, testa verde, collo striato di giallo, zampe e coda arancioni,  fianchi arancio con righe trasversali gialle.  I maschi possono arrivare a circa 75 mm., mentre le femmine possono raggiungere i 72 mm. Si tratta di una specie diurna, anche se è stata osservata in attività anche durante le ore notturne.

L’habitat preferito sembra essere quello offerto da grossi massi di granito circondati dalla vegetazione della foresta, soprattutto piccoli alberi che offrono una luce del sole filtrata. Un grave pericolo per la sopravvivenza di questa specie, soprattutto in considerazione del tasso di riproduzione piuttosto basso, è rappresentato dalla cattura finalizzata al commercio di questi animali e dalla loro forte sensibilità ai cambiamenti del loro habitat naturale.

Questo paese è da considerarsi un tesoro di terra, un angolo del pianeta che, grazie alla sua straripante natura, rappresenta un vero e proprio scrigno dal quale attingere per nuove scoperte scientifiche, ma come tutte le cose preziose è indispensabile difenderlo da chi volesse approfittarne per scopi egoistici e finalizzati ad uno sfruttamento selvaggio e devastante del territorio.

Articoli correlati