Home / Tag Archives: ricerca

Tag Archives: ricerca

Cosa fa il cervello mentre dormiamo?

cosa fa il cervello mentre dormiamo

Cosa fa il cervello mentre dormiamo? Di notte l’organismo si comporta in modo diverso rispetto a quanto non faccia di giorno: i ritmi metabolici rallentano, la temperatura interna diminuisce, l’attività degli enzimi si riduce, la frequenza cardiaca e la pressione si abbassano. Tutto ciò consente di mettere a riposo l’organismo. …

Leggi ancora »

Una “vaccinazione cellulare” contro l’HIV

vaccinazione cellulare

Gli scienziati sono riusciti a legare gli anticorpi anti-HIV a delle cellule immunitarie, creando così una popolazione cellulare resistente al virus all’interno del corpo; queste nuove cellule possono quindi prendere il posto di quelle malate, rendendo questo metodo notevolmente più veloce ed efficiente delle attuali terapie. Le cellule senza tale …

Leggi ancora »

Il flagello: dalla struttura alla funzione

flagello batteri microscopio

Esiste infatti un gruppo polifiletico, non avente un progenitore ancestrale comune, di protozoi detto flagellati, caratterizzati appunto dal flagello. In base al numero di flagelli abbiamo organismi: Monotrichi: possiedono un solo flagello, ad una estremità ( es. Pseudomonas ) Anfitrichi: possiedono due flagelli, alle estremità ( Thymus Serpyllum ) Lofotrichi: più flagelli ad un’estremità a formare …

Leggi ancora »

Arriva Bat Bot, il pipistrello robot

Bat bot

Pesa appena 93 grammi  e le sue ali simulano per forma e funzionalità quelle di un pipistrello. Gli scienziati del California Institute of Technology (Caltech), principali autori del prototipo, lo hanno chiamato semplicemente Bat Bot. È dotato di un paio di ali flessibili composte essenzialmente da una membrana ultrasottile – …

Leggi ancora »

Chi suona uno strumento è più reattivo

Chi suona uno strumento

Chi suona uno strumento musicale, che sia la chitarra o un pianoforte, è decisamente più svelto di riflessi. Lo afferma una ricerca condotta dall’Università di Montreal, in Francia, e pubblicata sulla rivista americana Brain and Cognition. La scoperta avrebbe ottime ripercussioni mediche nel prevenire alcuni rallentamenti legati all’età o ad alcune patologie. «Più …

Leggi ancora »