Home / Ambiente e Natura / Ambiente / Tsunami, la furia della natura
tsunami
Maremoto di Sendai e del Tōhoku, marzo 2011.

Tsunami, la furia della natura

Giappone nordorientale, 11 marzo 2011, ore 14:46. Il cielo è una lastra color grigio, della stessa consistenza del piombo fuso; ha quasi un aspetto funereo quel giorno. Improvvisamente, in mare, il fondale sussulta; un blocco di crosta terrestre lungo 430 chilometri si sposta verso est, con traslazioni orizzontali che in alcuni punti raggiungono i 24 metri. Dopo cinque minuti dal termine del terremoto, Miki Endo, un’impiegata comunale di Sendai, preme un bottoncino rosso e accende il microfono; sembra un film di 007, ma non è finzione, è realtà. Gli altoparlanti della città lanciano l’allarme tsunami, migliaia di persone salgono sui tetti, ma non basta: la gigantesca onda di maremoto, lo tsunami, investe la città con i suoi 15 metri di altezza.

L’onda nera carica di detriti, sabbia e fango travolge la costa e tutto quello che trova sul suo percorso. Il conto di mastro beccaio raggiunge i 20.000 morti; senza contare i 500 chilometri di costa devastata.

Immagini dell’onda nera che colpì la regione del Giappone nord orientale, nel terremoto di Sendai e del Tōhoku, marzo 2011.

Il Giappone è il paese meglio preparato per affrontare terremoti e tsunami, come quello occorso l’11 marzo, di magnitudo 9, avvenuto a 130 chilometri dalla costa giapponese; in parole povere lo stesso sisma avrebbe distrutto tutto, se fosse avvenuto in un’altra zona del mondo.

Casi di tsunami se ne sono registrati tanti, basti ricordare quello indonesiano del 2004, dove perirono 230.000 persone.

Un immagine presa in Thailandia durante lo tsunami che colpì quelle regioni asiatiche il 26 dicembre 2004.

Da geologo ricevo più o meno sempre la stessa domanda: sono prevedibili i terremoti?

La risposta è no! Non lo sono. Diffidate di tutti gli pseudo-geologi, e/o gli pseduo-tecnici, che affermano il contrario.

La maggior parte dei sismologi afferma che ogni anno avviene uno tsunami di importanza rilevante, molti scienziati ritengono che maremoti storici, come quello avvenuto in Grecia 3.500 anni fa, abbia addirittura cambiato il corso della storia dell’uomo. Lo tsunami di Lisbona del 1755 pare abbia addirittura modificato il pensiero occidentale ottimista dell’epoca.

Lo storico greco Tucidide, nel 430 a.C., fu il primo a intuire una connessione tra terremoti e onde di tsunami.

Una rappresentazione del terremoto di Lisbona del 1755, dove seguì uno tsunami.

La realtà non è proprio così..

Anche le frane sottomarine e quelle costiere possono provocare onde anomale di proporzioni enormi. In Italia un esempio è lo Stomboli nel 2002, quando una porzione di cratere è franata direttamente in mare, provocando un’onda alta circa 10 metri, cui ne sono seguite altre più basse. Per molti aspetti anche la frana del Vajont ha causato un’onda anomala da impatto frana (anzi tre onde) che hanno devastato la valle; l’onda che superò l’invaso era alta 150 metri, perse man mano altezza nel percorso, ma non potenza distruttiva.

Come nasce uno tsunami?

La parola, innanzitutto, deriva dal giapponese e significa “onda di porto“, o “grande onda“. Gli tsunami non hanno nulla a che vedere con le onde di marea, né con il comune moto ondoso, neppure quello derivato da uragani tropicali e da grandi tempeste polari (con onde enormi).

Le onde di tsunami, o di maremoto, sono provocate da movimenti di masse rocciose che compongono la crosta terrestre, naturalmente sommersa dalle acque, in determinate zone del globo.

Queste zone sono dette di subduzione, dove cioè una porzione di crosta terrestre subduce rispetto all’altra; immaginate di spingere due materassi, uno contro l’altro, uno s’infilerà sotto l’altro, che salirà. Lungo queste zone di subduzione si formano enormi faglie, che sono punti cruciali dove si accumula energia.

tsunami

Un terremoto, che sia esso sottomarino o non, è sostanzialmente un rilascio improvviso di energia accumulata; immaginate di prendere un bastone di legno con le mani e di piegarlo con il ginocchio, il legno si piegherà sino a un certo punto (accumulo di energia) per poi spezzarsi con un sonoro crack: quello sarà il terremoto.

Quando però avviene in mare, l’intera colonna d’acqua sovrastante il fondo, risentirà della sollecitazione di energia proveniente dal basso, come se si colpisse un secchio d’acqua sul fondo, sicuramente vedrete una serie di cerchi concentrici sempre più ampi.

È stato notato che spesso, ma non sempre, il mare lungo la costa si ritira, lasciando esposti centinaia di chilometri di costa prima dell’arrivo dell’onda anomala. Dopo la prima onda possono susseguirsi anche altre onde gigantesche, che flagellano la costa per ore.

L’onda di tsunami in mare aperto è innocua, essendo alta anche pochi centimetri, a volte; tuttavia viaggia a velocità incredibile, dell’ordine di 500 chilometri orari, talvolta anche 1000, con lunghezze d’onda di centinaia di chilometri (tra una cresta e l’altra), con un periodo di anche dieci minuti tra un’onda e l’altra. Lo tsunami diventa però pericoloso in prossimità della costa, dove il fondale si rialza. Inoltre queste onde anomale possono viaggiare per migliaia di chilometri e attraversare interi oceani.

Ricostruzione dell’altezza dell’onda anomala  del 2004 durante la propagazione nell’oceano Indiano e in parte dell’Atlantico meridionale.

Lo tsunami dell’11 marzo 2011 colpì, specularmente, anche la costa della California, con danni assenti naturalmente, tuttavia un uomo fu travolto dall’onda e affogò. Lo tsunami indonesiano del 26 dicembre 2004, provocò vittime un po’ ovunque nell’oceano Indiano: uccise 60.000 persone in India, nello Sri Lanka, e colpì mortalmente molti paesi dell’Africa orientale.

Dopo questa catastrofe senza precedenti (documentata almeno) diversi stati hanno avviato una collaborazione per installare un sistema di rilevazione degli tsunami; tali sistemi funzionano con la misura delle variazioni di pressione provocate dal passaggio dell’onda anomala in oceano vicino alla boa di rilevamento.

Prima del 2004 non c’era nemmeno una boa di questo tipo in tutto l’oceano Indiano; ma solo sei nel Pacifico. Attualmente, negli oceani del mondo, vi sono una sessantina di boe.

Tuttavia non è detto che il sistema delle boe sia infallibile; durante il famigerato terremoto giapponese dell’11 marzo 2011, le boe, durante il sisma, segnalarono una magnitudo di 7.4 Richter. Le analisi successive calcolarono una magnitudo di 9, invece.

Una delle 60 boe sparse negli oceani per il rilevamento tsunami. Questa appartiene all’Australia.

Ciò significa che con una magnitudo di 7.4 i giapponesi allertati attendevano un’onda anomala di altezza pari a circa tre metri (al di sotto del frangiflutti anti-tsunami alto cinque metri); con una magnitudo 9, invece, lo tsunami ha raggiunto un’altezza di 15.5 metri. Questo errore di calcolo strumentale è costato la vita a migliaia di persone, che sarebbero potute scappare ancora più lontane, verso le alture dell’entroterra.

Strano a dirsi, ma la maggior parte dei geologi giapponesi non considerava la regione di Sendai particolarmente a rischio, da un punto di vista sismico s’intende; agli inizi del duemila, tuttavia, un gruppo di geologi nipponici aveva effettuato uno studio (pubblicato nel 2001) su alcuni depositi sabbiosi e argillosi dove si distinguevano chiaramente delle tsunamiti (depositi sedimentari da tsunami), appartenenti a maremoti molto potenti occorsi nella regione di Sendai con cadenza pari a circa 900 anni in un arco temporale di 4.000 anni all’incirca. Per ironia della sorte lo studio terminava con un monito degli autori sulla zona e sulla pericolosità che correva.

Depositi sedimentari dove è possibile distinguere un livello di tsunamite, appartenente a un grande terremoto del passato.

Altri studi del genere sono avvenuti lungo le coste occidentali degli Stati Uniti d’America, nelle Filippine, nelle Sonda e in Indonesia. I risultati sono allarmanti: con un range temporale che varia tra i 200 e i 700 anni di cadenza, queste zone, affermano i paleosismologi, sono state colpite sistematicamente da grandi onde di maremoto negli ultimi 5.000 anni.

Purtroppo non si può affermare, per una data zona, se tale tsunami avverrà fra trenta secondi o trent’anni. Che si può fare? Niente! Siamo sette miliardi sulla Terra e abbiamo volutamente insediato le zone costiere di tutto il mondo, creando una situazione senza uscita per miliardi di persone. Ne stiamo pagando già le conseguenze.

Riguardo a Aaronne Colagrossi

Aaronne Colagrossi
Aaronne Colagrossi nasce a Campobasso nel 1980, ottiene nel 2006 la laurea in Scienze Geologiche presso l’Università del Molise e nel 2009 la laurea in Geologia Applicata all’Ingegneria presso l’Università “La Sapienza”. Da sempre appassionato delle scienze e della storia, come anche della subacquea e degli squali, nonché dei viaggi e della fotografia, che lo portano a viaggiare in Europa e in Africa, dove entra in contatto con la natura pura, sia in mare che in terra. Da queste passioni forgia un primo romanzo nel 2012 e un secondo nel 2016, nonché altri progetti per il 2017. Il desiderio costante di scrivere romanzi, diari e articoli, porta Colagrossi a suggellare sapientemente tutte queste passioni, donandogli un mezzo con cui esprimersi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *