Home / News e Curiosità / Curiosità / Protesi dentale di quattro secoli emerge da tomba nobiliare toscana
Protesi dentale

Protesi dentale di quattro secoli emerge da tomba nobiliare toscana

Cinque denti mandibolari umani tenuti assieme da una lamina metallica in oro: è l’esemplare di protesi dentale rinvenuto nel corso degli scavi nella cappella della famiglia Guinigi di Lucca, all’interno del complesso conventuale di San Francesco.

A fare la scoperta i paleopatologi dell’Università di Pisa, impegnati nell’analisi di oltre 200 scheletri appartenenti a membri dell’antica casata toscana. Uno studio scrupoloso che ha permesso di identificare i resti di tre delle quattro mogli di Paolo Guinigi, tra cui la famosa Ilaria del Carretto, alla quale è dedicato il celebre monumento funebre di Jacopo della Quercia, nella Cattedrale di San Martino a Lucca.

Come dimostrano alcuni importanti ritrovamenti, l’utilizzo di fili e bande in oro, ferro, rame e argento,  per tenere insieme denti animali ed umani, era praticato già dagli Etruschi. Dallo studio della protesi, effettuato dalla dottoressa Simona Minozzi della Divisone di Paleopatologia del Dipartimento di Ricerca Traslazionale e delle Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia, non è emersa alcuna associazione con i resti di quasi un centinaio di individui sepolti nella stessa tomba collettiva, quindi ad oggi è impossibile stabilire a chi sia appartenuta. I denti, canini e incisivi disposti senza rispettare la corretta sequenza anatomica, appartengono a individui diversi e la presenza di un deposito di tartaro sulla superficie dimostra che l’apparecchio fu portato a lungo.

«Lo studio del contesto archeologico non ha permesso una datazione precisa per la protesi che comunque si colloca tra la fine del XIV secolo e l’inizio del XVII secolo e il XVII secolo, e malgrado esistano descrizioni di apparecchi simili nei testi del periodo, non sono conosciute altre evidenze archeologiche – spiega Simona Minozzi – La protesi dentaria ritrovata nella tomba dei Guinigi è quindi la prima testimonianza di protesi dentale di questo periodo storico e aggiunge un un prezioso tassello alla storia dell’odontoiatria».

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Clinical Implant Dentistry and Related Research (DOI 10.1111/cid.12460).

Fonte: Università degli Studi di Pisa

Riguardo a Graziana Maggi

Leggi anche

Gerald Durrell

Gerald Durrell: una vita per la salvaguardia delle specie a rischio estinzione

Quanti di voi durante la propria adolescenza hanno idolatrato personaggi immaginari o fiabeschi, quali super …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *