Home / Ambiente e Natura / Gastornis: Gli uccelli giganti che abitavano l’Artico
Gastornis

Gastornis: Gli uccelli giganti che abitavano l’Artico

È ufficiale: uccelli giganti alti due metri, i Gastornis, incapaci di volare come le galline e dotati di una testa grande come quella di un cavallo, zampettavano nei pressi del Circolo polare artico 53 milioni di anni fa.

La scoperta viene da una ricerca della Chinese Academy of Sciences di Pechino in collaborazione con la University of Colorado di Boulder, che hanno descritto insieme il fossile di un grosso uccello noto con il nome scientifico Gastornis. Oggetto della scoperta è un singolo osso ritrovato esattamente nell’isola di Ellesmere nei pressi del Circolo polare artico e molto simile a un altro osso ritrovato precedentemente nel Wyoming (Stati Uniti) al quale è stata attribuita la stessa datazione.
Per la precisione il fossile di Gastornis proveniente dall’isola di Ellesmere viene discusso dai paleontologi da quando fu ritrovato negli anni Settanta, ma oggi è la prima volta in assoluto che viene adeguatamente descritto ed esaminato. In passato, altri fossili di Gastornis sono stati ritrovati in Europa e Asia.
53 milioni di anni fa il clima e la vegetazione dell’isola di Ellesmere erano molto simili a quelli presenti oggi nel Sud-est degli Stati Uniti, dove abbondano le paludi di cipressi. Le rilevazioni di altri fossili nella zona evidenziano che l’isola, adiacente alla Groenlandia, ospitava tartarughe, alligatori, primati e altri mammiferi che oggi non vi potrebbero abitare a causa della temperatura troppo rigida che arriva a toccare i – 40 gradi Fahrenheit durante l’inverno.

La ricerca sul Gastornis può avere delle ricadute nello studio dell’eventuale ripopolamento del Circolo polare artico a causa del riscaldamento climatico in corso, infatti i grandi ghiacci dell’Artico si stanno sciogliendo dopo aver resistito per millenni. Venire a conoscenza delle specie che abitavano la zona in un’epoca decisamente più temperata può fornire degli ottimi indizi sulle specie che, in futuro, potrebbero tornare nei dintorni dell’isola di Ellesmere grazie alle condizioni ambientali nuovamente favorevoli.

Fonte: Scientific Reports 6, 12 febbraio 2016The palaeobiology of high latitude birds from the early Eocene greenhouse of Ellesmere Island, Arctic Canada 

Credits immagine: Scientific Reports online





Riguardo a Flavio Alunni

Flavio Alunni
Divulgatore scientifico. Blogger (clicca sulla casetta). Laureato in scienze biologiche, sono da sempre affascinato dal bizzarro, da ciò che sorprende e meraviglia. Nella scienza trovo tutto questo e molto altro, ecco perché mi piace raccontarla. Alcuni miei articoli sono usciti anche su Galileo Giornale di Scienza e Wired Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *