Home / Recensioni / BlogNews / I migliori libri di divulgazione scientifica
libri di divulgazione scientifica

I migliori libri di divulgazione scientifica

Una guida pensata per chi è alla ricerca di un libro di Scienza, i migliori libri di divulgazione scientifica scrupolosamente scelti dalla Redazione di BioPills.

In questa guida troverete, divisi per materia, i libri che noi riteniamo debbano esser letti. Per ogni libro proposto allegheremo, oltre alle informazioni base, anche la presentazione. Ci impegniamo ad aggiornare costantemente questa guida affinché diventi una Best Of dei libri del settore.

Potete consigliarci una lettura inviando una email a [email protected] oppure scrivendo nel nostro gruppo Facebook

Ci teniamo a precisare che avendo un’affiliazione con Amazon noi riceveremo una piccola percentuale su ogni vendita, tuttavia questa è inclusa nel prezzo che quindi non sarà maggiorato. Quella piccola percentuale che altrimenti trattiene Amazon potrebbe esser un sostegno al nostro progetto.

Per ricevere i prodotti Amazon in questa guida nel minor tempo possibile iscrivetevi ad Amazon Prime gratuitamente per i primi 30 giorni.

 

libri di etologia

Successivo Prec

La mia vita con gli scimpanzé

– La mia vita con gli scimpanzé. Una storia dalla parte degli animali.

Con e-book Turtleback – 21 ott 2014

– di Jane Goodall (Autore), L. Vozza (a cura di), Y. Nicolini (Traduttore)

Acquista su Amazon

A ventisei anni, con un diploma di segretaria in tasca, Jane Goodall parte per la Tanzania. In valigia, giusto la curiosità, il coraggio, la passione per gli animali e una certa dose d’incoscienza. È la prima volta che una persona pianta una tenda in una foresta e si mette a seguire gli scimpanzé in casa loro. L’obiettivo, ardito, appassionante e pericoloso, è capire come si comportano gli animali più simili a noi. I figli e i nipoti di quegli scimpanzé vivono ora nel Parco di Gombe, dove si trova uno dei centri più importanti per studiare le grandi scimmie antropomorfe nel loro ambiente naturale. Ma accanto alla scienza, nel cuore di Jane Goodall c’è la conservazione degli animali e del loro ambiente. Conservazione che passa attraverso l’educazione e il sostegno delle popolazioni locali. Oggi la primatologa più carismatica al mondo viaggia come una globe-trotter e ovunque si ferma trasmette il suo messaggio di amore per i primati e di difesa degli esseri più deboli e disarmati del pianeta, umani inclusi.

Acquista su Amazon

L'intelligenza morale degli animali

– L’intelligenza morale degli animali

24 giu 2015

– di Marc Bekoff (Autore), Jessica Pierce (Autore), S. Petruzzi (Traduttore)

Acquista su Amazon

Gli etologi hanno a lungo biasimato le interpretazioni del comportamento animale in termini di emozioni umane, avvertendo che l’antropomorfizzazione limita la nostra capacità di comprendere gli animali nella loro vera natura. Cosa dobbiamo pensare, però, di fronte a una femmina di gorilla che piange per giorni la morte del suo piccolo? O di una femmina di elefante che si prende cura di un’altra più giovane, dopo che questa è stata ferita da un maschio violento? Non sono questi chiari esempi del fatto che gli animali possiedono emozioni riconoscibili e un’intelligenza morale? Marc Bekoff e Jessica Pierce rispondono inequivocabilmente: sì! Unendo anni di ricerche etologiche e cognitive ad aneddoti insoliti e commoventi, i due autori dimostrano che gli animali hanno un ampio repertorio di “azioni morali” che rivelano senso di giustizia, empatia, fiducia e altruismo reciproco. Alla base di questi comportamenti c’è una complessa e modulata gamma di emozioni, sostenuta da un alto grado di intelligenza e da una sorprendente flessibilità comportamentale. La conclusione a suo modo rivoluzionaria a cui approdano Bekoff e Pierce è che non esiste alcuno scarto morale tra gli esseri umani e le altre specie: la moralità è un tratto evolutivo che noi indiscutibilmente condividiamo con gli altri mammiferi sociali. Prefazione di Danilo Mainardi.

Acquista su Amazon

Il comportamento animale

– Il comportamento animale

– 15 gen 2015

– di Aubrey Manning (Autore), Marian S. Dawkins (Autore), I. C. Blum (Traduttore)

Acquista su Amazon

Mai come negli ultimi decenni la fascinazione per il regno animale ha prodotto un sapere così esteso, che a sua volta ha alimentato in un pubblico via via più largo curiosità sempre nuova e inesauribile meraviglia. Circolo virtuoso che va ascritto a merito di quegli scienziati capaci di coniugare rigore nella ricerca e talento espositivo. Aubrey Manning e Marian Stamp Dawkins in questo si sono rivelati dei capiscuola. Difficile eguagliare la loro abilità di riuscire accattivanti nel sintetizzare gli aspetti neuroetologici, fisiologici, sociobiologici ed ecologici delle faune selvatiche e delle specie domestiche. Persuasi che “il modo migliore per introdurre il comportamento animale non sia quello di seguire linee funzionali, ma di studiare la sua organizzazione nell’individuo”, si chiedono quali fattori interni e componenti ambientali, risposte ereditarie e informazioni acquisite interagiscano nel dar vita agli schemi comportamentali tipici di una determinata specie, al pari dei colori della livrea o dei caratteri morfologici. Una stupefacente varietà governa infatti il repertorio dei rituali e delle parate di corteggiamento, dell’esibizione di autorità, delle posture di allarme o di minaccia, delle reazioni di fuga, della difesa nei confronti dei predatori, della caccia solitaria o cooperativa, del pattugliamento del territorio, dei sistemi nuziali monogami o poligami, dell’investimento parentale nell’accudire la prole, delle gerarchie fluide o rigide di dominanza e subordinazione.

Acquista su Amazon

Successivo Prec

libri di botanica

Successivo Prec

– Guida all’identificazione delle piante

– 31 dic 1987

– di Thomas Schauer (Autore), Claus Caspari (Autore), A. Rambelli (Traduttore)

Acquista su Amazon

L’aumentato interesse per le piante spontanee potrebbe essere considerato come una reazione alla loro crescente minacciata estinzione ed al danno conseguentemente prodotto all’ambiente in cui esse vivono. Tuttavia, per essere in grado di proteggerle e salvaguardarle contro la distruzione, è necessario prima di tutto conoscerle.
L’ampliamento delle conoscenze sulle piante e sul loro habitat costituisce, appunto, lo scopo di questa guida. Essa descrive oltre 1500 specie europee di cui più di 1100 illustrate a quattro colori. Le specie sono presentate secondo ampie categorie, relative all’habitat, entro le quali sono suddivise, secondo un ordine sistematico, in famiglie e generi. Per consentire un più facile riconoscimento è stata inclusa una chiave analitica per l’identificazione delle specie, come pure un elenco generale delle famiglie, con disegni dettagliati dei più importanti e caratteristici generi.

Acquista su Amazon

– Guida degli alberi d’Europa

– 21 lug 2011

– di Margot Spohn (Autore), Roland Spohn (Autore), M. Traini (Traduttore)

Acquista su Amazon

Corbezzoli, palme da dattero o l’albero del drago non sono più specie esotiche remote e difficili da raggiungere. Oggi infatti fanno parte del territorio europeo proprio come la quercia comune, il faggio selvatico o l’abete bianco. Nel bosco o al parco, in un giardino d’inverno o in viaggio all’estero, questa guida naturalistica illustra tutti gli alberi della nostra Europa e anche numerosi alberi extraeuropei.

– Che fiore è questo?

– 16 feb 2012

– di Spohn (Autore), Marianne Golte Bechtle (Autore), Dietmar Aichele (Autore), M. Traini (Traduttore)

Acquista su Amazon

Per identificare con la massima semplicità oltre 870 piante, con l’apprezzata suddivisione per colore dei fiori e più di 1800 illustrazioni realistiche in policromia. Novità di questa edizione: principali tratti distintivi segnalati sul disegno della pianta; indicazione delle specie simili e di cosa osservare per distinguerle; oltre 800 illustrazioni aggiuntive con dettagli di fiori, foglie, frutti e radici. Extra: gli alberi, gli arbusti e le erbe più comuni.

Successivo Prec

 



Riguardo a Redazione BioPills

Redazione BioPills

Dal 2015 sul web per soddisfare la curiosità e divulgare l’amata scienza, come recita il nostro motto ” Se la ami, divulgala”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *